Leonardo Divisione Elettronica: Il Futuro Industriale deve passare attraverso il confronto Sindacale

COMUNICATO SINDACALE

Riunito oggi a Roma il coordinamento delle Rsu Uilm della Divisione Elettronica, unitamente alle segreterie territoriali, per discutere le evoluzioni che si sono succedute dopo l’annunciato piano di riorganizzazione dei siti anche alla luce della posizione neutrale assunta dalle istituzioni locali e nazionali, sollecitate sul tema a più riprese dalle Rsu e dalle strutture delle organizzazioni sindacali.

Le linee guida del piano di ottimizzazione illustrate dal vertice della Divisione Elettronica nell’incontro dello scorso 14 marzo, pur prospettando obiettivi di crescita importanti nell’arco di un quinquennio, prevedono alcune operazioni di riduzione dei siti oggi esistenti.

Le chiusure annunciate sembrano le cicatrici di una operazione che potrebbe essere evitata poiché non è a rischio la vita del paziente.

Certo, abbiamo la consapevolezza che il Gruppo Leonardo con questa operazione intenderebbe concentrare le proprie energie e puntare ad un incremento importante del business in un contesto sempre più connotato dalle iniziative e da programmi di sviluppo europei.

Questa consapevolezza è la motivazione forte che ci spinge ad affermare che un cambiamento così importante, che determinerà l’assetto futuro della Divisione Elettronica in Leonardo e quindi sul territorio nazionale, non può essere lasciato alla gestione unilaterale.

La questione prioritaria naturalmente è quella industriale poiché sarà fondamentale comprendere quale forma prenderanno e quali missioni assolveranno i poli di eccellenza che verranno costituiti sul territorio nazionale. Sarà importante avere chiaro il percorso di sviluppo industriale delle attività che oggi sono appannaggio di quei siti che sono messi in discussione, e infine non potremo accettare che si dia avvio al piano operativo senza aver ricercato una ipotesi di accordo.

Il risultato di questo percorso dovrà diventare la base fondante del nuovo assetto della Divisione e oltre a sancire chiaramente gli obiettivi da raggiungere bisognerà valorizzare anche il ruolo che un’azienda come Leonardo svolge sul territorio dove insiste, e quindi l’attenzione alla filiera ed all’indotto coinvolto.

I bisogni dei lavoratori coinvolti dovranno essere un elemento vincolante per la soluzione condivisa di questo percorso, poiché soltanto attraverso la condivisione si crea quel valore aggiunto di cui Leonardo ha bisogno.

Chiediamo quindi all’azienda che, al più presto, si attivi un tavolo di confronto per discutere di tutti questi aspetti.

La fase di confronto sarà fondamentale per verificare se sussistano le condizioni per arrivare ad una soluzione condivisa fra le parti che è l’unica possibilità per dare reale valore a questo progetto di crescita della Divisione Elettronica e la Uilm ad ogni livello non si sottrarrà a questo percorso verso il futuro.

UILM NAZIONALE
COORDINAMENTO NAZIONALE DIVISIONE ELETTRONICA

Roma, 20 giugno 2022