ACCIAIERIE D’ ITALIA

di | 04/06/2021

DOPO PESANTI CONDANNE, ACCELERARE SU TRANSIZIONE E FUTURO ECOSOSTENIBILE

Questa sentenza con pesanti condanne penali deve rappresentare la fine di un’epoca, fatta di inquinamento, di conflitto tra salute e lavoro, tra cittadini e lavoratori. Deve essere quindi l’inizio di una nuova fase con una forte accelerazione della transizione ecologica e una produzione ecosostenibile che riporti un equilibrio tra fabbrica e città.

Oggi è stato stabilito, ancora una volta, che uno stabilimento così grande e importante per l’intero Paese non può essere lasciato in mani private senza alcun controllo da parte dello Stato che, al contrario, deve garantire contemporaneamente il rispetto della salute e il lavoro”.

Dopo questa sentenza lo Stato è di fronte ad un’unica strada: investimenti corposi, anche grazie ai fondi europei, per anticipare i tempi della transizione ecologica del più grande sito siderurgico europeo, verso una produzione ecosostenibile, abbattendo le emissioni delle fonti inquinanti, salvaguardando l’ambiente, l’occupazione e un asset strategico per il nostro Paese.

Siamo più che convinti che non è più rimandabile un intervento diretto dello Stato nel controllo della maggioranza di Acciaierie d’Italia, per questo chiediamo al Governo di indicare una direzione chiara, di dirci come immagina il futuro del sito e della città di Taranto, quali progetti concreti vuole mettere in campo e con quali tempistiche. Da Taranto dipende anche il futuro di tutti gli altri stabilimenti del Gruppo.

Dopo nove anni dal sequestro degli impianti, è arrivato il momento delle scelte definitive da parte dello Stato. Non è più il tempo di rimandare decisioni che da troppi anni i lavoratori e i cittadini di Taranto attendono.