ILVA IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA

di | 30/04/2021

L’AZIENDA CONVOCA LE OO.SS. PER UNA RIUNIONE IN MODALITÀ VIDEOCONFERENZA

Ilva in Amministrazione straordinaria ha informato le OO.SS. circa la convocazione di una riunione per giorno 6 maggio p.v..

La nota, giunta a mezzo mail del 23 aprile u.s., pone a tema dell’incontro, Flexible benefits, Inquadramenti, Formazione CIGS e piano vaccinale.

Per quanto attiene gli specifici temi oggetto della riunione, la stessa verterà sugli effetti del rinnovo CCNL categoria (flexible benefits e minimi contrattuali) e sul percorso di formazione professionale in capo all’azienda, per tutto quanto previsto dal CCNL e dai piani formativi che Fondimpresa, mette a disposizione.

Fondimpresa, lo ricordiamo, è il Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil che finanzia la formazione dei lavoratori nelle imprese aderenti, come in questo caso ILVA.

Gli ultimi corsi messi a disposizione per i lavoratori, risalgono ai periodi dal 4.11.2019 al 04.12.2019 presso la Facoltà di ingegneria del politecnico di Bari.

Intanto, a valle dell’ultima riunione convocata dal comitato SEPAC della Regione Puglia, siamo ancora in attesa di ricevere la giusta convocazione che, stando all’impegno del Presidente, dovrebbe giungere a entro 30 giorni da giorno 7 aprile scorso, data di incontro.

Per quanto di riflesso alle attività di lavoro all’interno del cantiere Ex cava due mari, proseguono le lavorazioni programmate da parte delle aziende incaricate alle attività di smaltimento dei fanghi e, le attività collaterali svolte dal personale ILVA. Quest’ultimo, segue una periodicità di collocazione al lavoro, di mesi tre oltre ai quali la nuova forza lavoro seguirà scupolosamente l’ordine enumerato nella graduatoria aziendale comunicata alle OO.SS.

In ultimo, per i macro-temi legati ai lavoratori attualmente appartenenti a questo bacino, restiamo in attesa dell’avvio dei tavoli ministeriali, a partire dalla riunione convocata giorno 11 maggio prossimo, per riaffermare che la vertenza è, e deve restare una sola, inoltre, che non possono coesistere famiglie diverse di lavoratori, gli uni in sacrificio degli altri a causa di una pericolosa deriva istituzionale e politica.