LEONARDO SPA

di | 23/10/2020

COMUNICATO SINDACALE DEL COORDINAMENTO NAZIONALE UILM

Nei giorni scorsi, così come dichiarato nei comunicati sindacali del 12 e 19 ottobre. la UILM ha avviato un percorso di conflittualità sindacale, allo scopo di fa riavviare un confronto nel quale si chiarisca la preoccupante situazione produttiva contingente e futura in cui versa lo stabilimento di Grottaglie.

Come condiviso anche con la struttura UILM nazionale durante il coordinamento Aerostrutture svoltesi in data odierna a Roma. Sosterremo, se necessario, ogni forma di protesta per scongiurare il ricorso alla scorciatoia della cassa integrazione di qualsiasi forma negli anni interessati dal vuoto lavoro ormai noto a tutti (ma mai condiviso ufficialmente), avendo al contempo come unico scopo sindacale lo sviluppo del sito attraverso LAVORO aggiuntivo (e non sostitutivo) rispetto al B787, attraverso una strategia inclusiva da parte della One Company, che non isoli le Aerostrutture davanti al proprio destino.

Pertanto, al fine di proseguire nel percorso di conflittualità crescente, coerentemente con il volere dei dipendenti espresso nelle assemblee del 10 settembre e con l’obiettivo di coinvolgere tutte le platee dei lavoratori, riteniamo opportuno indire una manifesta zione per il lavoro, con l’ idea di organizzare una conferenza stampa coinvolgendo anche le istituzioni locali, in una giornata interessata da fermata collettiva in modo da non impattare sul salario dei lavoratori e facilitandone la piena partecipazione.

Quanto alla modalità di protesta interna avviata in data 19/10, è da intendersi sospeso solo lo sciopero dell’autocontrollo (per chi è abilitato) da subito. ma non la richiesta di eseguire pedissequamente il ciclo di lavoro per tutti interrompendo ogni forma di collaborazione e flessibilità (chi ha autocontrollo scaduto NON deve timbrare mai per nessuna ragione e deve verificare che la fase di controllo sia effettivamente verificata esclusivamente dal collaudo).

Coinvolgeremo il resto della Rsu attraverso la convocazione di un nuovo consiglio di fabbrica nella giornata di domani, per chiedere di organizzare insieme un evento pubblico di tale portata condividendone tutte le modalità. Come UILM daremo piena disponibilità all’organizzare la manifestazione sin dalla prima data utile di fermata collettiva.