ARCELOR MITTAL

di | 23/05/2020

FIM – FIOM – UILM CHIEDONO INCONTRO URGENTISSIMO AL GOVERNO

Dettagliamo integralmente il testo della richiesta a firma unitaria di incontro urgentissimo con il governo per le questioni legate alla grande fabbrica, inviata il 198 maggio scorso:

“Le tensioni di queste ore in merito alla drammatica situazione industriale ed alla gestione della Cassa Integrazione per Covid-19, in tutti gli stabilimenti di Arcelor Mittal Italia, la perdita salariale per i lavoratori in CIG, la riduzione al minimo della produzione di acciaio e la quasi totalità degli impianti fermi a valle del ciclo produttivo in tutti i siti italiani, il blocco degli investimenti per l’ambientalizzazione, lo stato di abbandono degli impianti, la mancanza di interlocu- zione con ArcelorMittal, rendono necessario la convocazione di un incontro urgente.
Tanto più in ragione del fatto che l’accordo intervenuto tra Governo e AMI il 4 marzo prevede la scadenza del 31 maggio per la definizione dell’accordo sul piano Industriale la conseguente attivazione della Cassa straordinaria (quella ordinaria scade il 30 giugno). Riteniamo quindi indispensabile la convocazione di un incontro con la presenza dei vertici di ArcelorMittal per conoscere e valutare l’effettivo stato della trattativa sugli assetti societari, sul piano industriale, occupazionale e ambientale, sulle strategie, sulle prospettive tecnologiche e industriali del gruppo. In attesa di un cortese riscontro inviamo distinti saluti.