DECRETO PREFETTIZIO ARCELOR MITTAL

di | 27/03/2020

FIM – FIOM – UILM – USB CHIEDONO INCONTRO AL PREFETTO

A valle del Decreto Prefettizio, abbiamo avanzato un’ulteriore richiesta di incontro al Prefetto di Taranto, ed agli Organismi tecnici di VV.FF, Spesal e Custode giudiziario, convinti che le ragioni che ci inducono a fare questa ulteriore azione, sono quelle legate esclusivamente alla indice elevato di forza lavoro autorizzata in fabbrica nell’ottica di limitare, ad ogni costo e con tutti i mezzi, la più remota possibilità di propagazione di contagio in fabbrica da Covid-19. Ecco il testo della comunicazione:

“Ill.mi, le scriventi OO.SS. in seguito all’emanazione del Decreto di cui all’oggetto, che autorizza e dettaglia le modalità di esercizio del sito siderurgico di ArcelorMittal Italia, sono a richiedere un incontro chiarificatore. Tale circostanza, a valle dei pareri Tecnici formulati, e dalle decisioni assunte, viene ritenuta indispensabile a giudizio delle scriventi, al fine di fornire alle SS.LL. in indirizzo ogni ulteriore, possibile elemento teso ad ap- profondire e considerare l’assetto di marcia dello stabili- mento in funzione del numero dei dipendenti diretti e dell’indotto.
Obiettivo questo, al sol fine profondere il massimo sforzo possibile, teso alla limitazione del contagio da Covid-19 così come disposto dal Protocollo di regolamentazione per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro e dal DM del 25 marzo 2020 in modifica del DPCM 22 marzo 2020.
In attesa di un cortese riscontro alla presente, porgiamo i nostri più cordiali saluti.” Con osservanza.