MALEDETTO VIRUS: NON ABBASSIAMO LA GUARDIA!

di | 20/03/2020

È stata un’altra settimana intensa sul piano degli impegni. Una settimana che ha visto tutti noi, ognuno per il proprio ruolo, fronteggiare con grandissimo impegno questa emergenza, anche “semplicemente” stando a casa. Perché è anche stando a casa si dimostra una forma di lotta, che per alcuni rappresenta uno degli sforzi maggiori, dal repentino cambio delle abitudini alle restrizioni imposte. ma tutti, e comunque, nella consapevolezza di fare il bene altrui e proprio.

In rappresentanza dei lavoratori, fin dal primo giorno di questa emergenza abbiamo avuto poco, pochissimo tempo per pensare. I fatti di questi giorni ci hanno consegnato una realtà del paese che non avremmo mai voluto ricevere, e che non ci consente troppe scelte se non quelle di fronteggiare con determinazione, ma senza incoscienza, tutti assieme questa emergenza.

Poche parole dunque, se non quelle necessarie e mirate a fornire tutto il nostro supporto per quanto necessario al sociale ed al mondo del lavoro mentre, tutto attorno con grande stupore ed impreparazione sembra quasi tutto immobile. Siamo di fronte a un qualcosa che sta cambiando e cambierà abitudini e forme intorno; un qualcosa che da un lato non deve far abbassare la guardia, e dall’altro ci deve mettere nelle condizioni di fronteggiare quelli che si stanno rivelando essere, e quelli che saranno, i risvolti attuali e possibili di questa emergenza sul piano sanitario, sociale e del mondo del lavoro.

Massima tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e della cittadinanza, questi gli unici termini che guidano giorni convulsi, dalle incontabili ispezioni alle tante riunioni in azien- da, comunicati di sciopero ed esposti. Si sono costituiti Comitati per la gestione dell’emergenza, organismi bilaterali per garantire il massimo della prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro. Stiamo mantenendo contatti ininterrotti e attuando politiche di coordinamento con le nostre strutture nazionali e regionali metalmeccaniche e confederali, attraverso le quali abbiamo discusso e dato vita al “protocollo di regolamentazione per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro“.

Abbiamo ripiegato la bandiera UILM della nostra sede per innalzare quella dell’ ITALIA, in segno del CORAGGIO E FORZA di noi italiani!